Il ponte della tua fede

image_print

 

 

Avete mai attraversato un ponte di corda? Magari in un parco divertimenti o in una escursione in montagna? Quando lo attraversi difficilmente riuscirai a guardare avanti ma sarai portato a guardare il vuoto che c’è sotto. Ti manca la stabilità sotto i piedi e il tuo corpo si irrigidisce.

Dio mi faceva pensare a un porte di corda come la fede vacillante.

Quando la tua fede vacilla sei più portato a guardare il problema che l’obiettivo: il problema è il baratro che c’è sotto il ponte mentre l’obiettivo e ciò che sta al di la del ponte.
Mi è capitato spesso di trovarmi in questa situazione dove, quando mi trovavo nella difficoltà, la mia fede era cosi debole che pensavo di cadere. Il problema è che te ne accorgi quando ti trovi già all’inizio del ponte e devi decidere in fretta cosa fare: continuare o tornare indietro. Sicuramente se hai paura tornerai indietro e perderai di vista il tuo obiettivo, ti scoraggerai e tornerai indietro. La cosa più brutta è che prima di trovarti in questa situazione dici di aver cosi tanta fede da poter spostare le montagne, fin quando non arriva il momento in cui la tua fede viene messa alla prova.

Mi è capitato qualche tempo fa mentre ero ad un meeting di giovani che stavo cantando proprio un canto sulla fede scritto da me. Ne ero così convinto e cantavo quel canto con un’enfasi particolare, perché stavo cantando un canto che Dio mi aveva dato e sapevo che Lui aveva parlato alla mia vita.
Mentre cantavo però successe qualcosa; sentii un grido straziante di un bambino, credetemi sembrava veramente un grido di disperazione. Siccome c’erano i miei figli in giro che giocavano pensai subito al peggio e, nel bel mezzo del canto, gettai il microfono a terra e corsi a vedere cosa stava succedendo. Ovviamente non era successo niente, erano solo i bimbi che giocavano.
Mi sentii così male che chiesi a un fratello di pregare per me e questo fratello mi disse: “come… fino a poco fa cantavi di fede e poi proprio tu temi per i tuoi figli?”. Allora capii che la mia fede non era solida come credevo  ma è qualcosa di più di un canto.

Qual è la differenza tra un ponte di corda e un ponte di cemento? Il primo è molto instabile, ti mette paura e ti fa guardare all’ostacolo piuttosto che all’obiettivo; il secondo ti fa sentire al sicuro e ignori che sotto di te ci sia un ostacolo da superare e ti concentri sull’obiettivo che è la fine del ponte.

Come facciamo ad essere sicuri che ci troviamo su un ponte di cemento? Facendo sempre una revisione al nostro ponte.
Abbiamo sentito ultimamente che alcuni ponti sono crollati perché da molto tempo non erano stati revisionati; questo è quello che succede alla nostra fede se non facciamo manutenzione al nostro ponte. E come possiamo fare manutenzione?

Romani 10:17 –  Cosí la fede viene da ciò che si ascolta, e ciò che si ascolta viene dalla parola di Cristo.

Abbiamo bisogno di alimentare la nostra fede tramite la Parola di Dio.

Credimi, caro amico, se ti allontani dalla Sua Parola, e quindi se non fai manutenzione alla tua fede,  anche il ponte più solido prima o poi crollerà ma se prendi forza ogni giorno da Essa ti assicuro che potrai superare qualsiasi ti po di problema perché non ti concentrerai su di esso e ciò a cui penserai sarà l’obiettivo che Dio ha dato alla tua vita.

Dio ti benedica

Lascia un commento